Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per fruire del sito è necessario acconsentire o modificare le impostazioni del proprio browser. Per saperne di piu leggi l'informativa sulla privacy.


 
Si è tenuto, venerdì 28 maggio, l’incontro conclusivo del concorso grafico realizzato nell’ambito delle iniziative per la “Giornata dell’arte” 2021, organizzato dall’Istituto Comprensivo Manzoni di Maracalagonis e Burcei. L’incontro è stato ospitato, grazie al patrocinio del Comune di Maracalagonis e della sindaca Francesca Fadda, nella meravigliosa cornice dell’ex Casa Cocco, centro sociale e culturale ribattezzato “Su coru de Mara”, ricavato -come suggerisce il nome- nel cuore del paese, da un’antica casa campidanese che ha conservato tutte le sue storiche caratteristiche, continuando a “raccontare la civiltà contadina del passato”.
Il bando indetto dalla scuola ha interessato le classi primarie (quarte e quinte) e le secondarie di primo grado, con la finalità di creare un logo per l’istituto, un progetto da realizzarsi secondo le linee proposte e fortemente volute dal Dirigente Scolastico Emanuela Lampis.
“Alcuni ragazzi hanno lavorato su disegni complessi, costruendo un percorso e discutendo i temi del bando legati all’affettività e alla conoscenza” fa sapere la professoressa Lampis. Le tematiche prescelte hanno dunque riguardato non solo l’arte e la creatività, ma anche la cittadinanza attiva, l'importanza e il privilegio dello studio e infine lo sviluppo emotivo. I giurati sono stati scelti secondo un criterio che guardasse al mondo dell’arte nelle sue molteplici e composite forme.
Tra loro lo scrittore e cultore di lingua sarda Ivo Murgia; Andrea Iannelli, co-founder di Relive Communication che ha contribuito a dare una mano al progetto; infine lo street artist Manu Invisible. Noto per i suoi graffiti, alcuni dei quali possono essere visti sui cavalcavia di -praticamente- tutte le strade statali della Sardegna (e non solo), si è distinto per la sua particolare cifra stilistica, ossia inserire parole che racchiudono concetti simbolici, complessi e importanti in contesti urbani ed extraurbani spesso dismessi.
Al termine dell'evento Manu Invisible ha lasciato una testimonianza nella sede centrale dell'Istituto, la sua firma contornata da nuvole di colore.